Vincenzo's Discourse on Painting

Title

Vincenzo's Discourse on Painting

Text

Vincenzo Giustiniani, Discourse on painting [c. 1620-30]

"To Mr. Teodoro Amideni", Publicat sub titlul Discourse on painting în Vincenzo

Giustiniani, Discourses on the arts and the crafts, Anna Banti (ed.), Sansoni Editore, Florence,

1981

I confirm that I have to VS reports that the Flemish painter is more than mediocre;

and greater understanding of this response, I will make some distinctions, and degrees of painters,

the way of painting that are at my news, founded more in some little practice I

have of this profession.

The first way is with dry spray, which you can color them according to the genius of

painter, or who orders the work. Second, the copy from other paintings, which can be done in

many ways: either with the first, and simple view, or with more longa observation, or with

graticolazioni, or elucidation, in that it requires a lot of diligence and practice in

handle colors to imitate well the original; and what will be the most excellent painter,

as long as they have patience, the better able the copy, a sign that sometimes will not be

It is known from the original, and sometimes likewise to surpass; that, at the meeting, the copier will

inexperienced, and little wit, the difference of the original will be readily known by

copy. Third, know how to design with pencil, watercolors and shadows, and copy the pen

which is the eye; which method serves as a school to those that apply

to painting, especially if they train copying ancient statues, or good modern, or

paintings of famous authors. Fourth, he knows well portray the particular person, and

especially the heads that are similar, and then likewise the rest of the picture, that is, the clothes, the

hands and feet, if you make whole, and posture, are good paintings, and with good symmetry,

which is not ordinarily able, if not to those who are good painter.

Fifth, knowing how to portray flowers, and other minute things, in which two things

mostly they require; first, that the painter knows how to handle the long arm

colors, and ch'effetto do, to get to the various design of many positions

de'piccoli objects, and to the variety of 'lights; and manages it very difficult to combine these two

circumstances and conditions to those without well this way of painting, and above

everything there is extraordinary patience research; and Caravaggio said, that so much manufacturing

he had to make a good picture of flowers as of figures. Sixth, know how to paint well

prospects, and architectures, which requires you to practice architecture, and having

read books that deal with it, and so books of perspectives, for having informed the

regular and visual angles, and make sure everything is all right, and painted without inappropriately.

Seventh, know how to find a great thing, as a facade, un'anticaglia, or country

near or far; which is done in two ways, without a care to minute things, but

with blows, or confused, as spots, but with good artifice of painting founded, or

frankly expressing everything; in what way they see countries Titian and Raphael,

the Caracci, Guido, and the like. The other way is to make countries more diligently,

observing every detail of anything as they painted the Civetta, Brugolo,

Tipsy, and other, mostly Flemish, patients make things from natural very

distinction. Eighth, do grotesque, which method is very difficult, because you have that

painter observe many things, that the ancient paintings that are found below, or above ground,

from which this painting is dependent; but the erudition of antiquity is needed, and

compliance with many and various things, both related to the histories and stories, how to contribute

paint, and the modern inventions that are appropriate to the taste of those who order

the enterprise. And 'difficult likewise, because in these grotesque makes trades that the painter is

Universal, but with proper natural inclination to that, because, in addition to the things

above, it is necessary that this painter knows how to draw well, and coloring in fresh maxims, and

then it has good and proportionate invention: more he knows well and wield

apply colors, because it has to be big and small human figures, according to which

It brings to the invention; animals, plants, flowers, paintings reported with the histories, and medallions

prospects, with fake metal, and paint to natural, with knowing how to allocate orders

distinct, wide and narrow, according to leading the site. Nono, it is how to paint like

Polidoro, with drawing fury, and history given by nature, and how Antonio Tempesta,

which in light and dark, and in copper prints, and for invention, and for good design,

maximum in bataglie, hunts, and other scenes of people and animals, they're in motion,

are generally much esteemed; although oil colored paintings are not reached

this degree, how their work will bear witness. Tenth, is the way of painting,

as they say, in a way, that is, that the painter with a long practice of drawing and coloring, of

his imagination without any copy, in painting the form that it has in fantasy, as well heads,

or intiere figures, as in histories accomplish, or any other thing of drawing and coloring

vague, in what way has painted 'our times the Barrocci, Romanelli, Passignano, and

Giuseppe d'Arpino, particularly in fresco in the Capitol, in which

prevailed much; and in so many others have done very vague Oil works and worthy

of praise. Undecesimo way, you have to paint with natural objects of forward.

But that is not enough S'avverta make the simple portrait; but it must be done

Working with good design, and good and proportionate contours, and color, and its vague,

that depends on the practice of knowing handle colors, and almost of nature instincts, and

Grace just conceded; and above all to be able to give light to the affordable color

set each part, and that no raw messy may be, but do it with gentleness and union;

However distinct the obscure parts, and lit, so that the eye remains sodisfatto

Union light and dark without alteration of their color, and without prejudice to the

spirit that you have to painting, as in our time, leaving the old, painted

Rubens, Gris Spagnuolo, Gherardo, Henry, Theodore, and others like it most

Flemish exercised in Rome, who knew well brown. Duodecimo way, is the most

perfect of all; because it is more difficult; the tenth way to unite with the eleventh already said,

ie paint manner, and with the example of the natural forward, so that they painted the

excellent painters of the first class, known to the world; and our day Caravaggio, the

Caracci and Guido Reni, and others, including anybody has pressed more in the natural that in

manner, and anybody more in the manner that in the natural, but without discortarsi from one, or

the other way of painting, pressing in good design, and true color, and give

Enlightenment and its true. They 'those twelve to paint them were various genes and skills de'

painters, because others have done better to cooler than oil, and other oil better than

fresh; anybody has done to oil without having made fresh; someone to cool, and not oil; but

It must not affect those who have missed the work in any thing, while in the other it is

excellent condition, and have excellent agguagliato the ancient painters, and passed in

that work all of his time; because many things can be attributed to the various

occurrences of the magnificent truths, or, on the contrary, to the painter's needs, because this

Once a painter has done excellent work, and highly praised, and then never again made a n'ha

similar, like Zuccaro in the niche of the Annunciation collegio.Tal painter did

well in large, and not small; and other well in small, not big, according

the their natural inclinations: others have done well it 'compositions, and inventions

dell'istorie; other color exquisitely few figures with good design, with nearby:

in other perspectives with architectural rules; others in good form with good histories

design, with closeness and remoteness, and formar well the plans, if the figures and things

pose, corresponding horizon and the line, and the visual angle; and yet each

in its kind he has come to great eminence in the estimation of the painting profession.



Around the inventors of painting, and those that have adjusted and in an improvement on

progress of different ages, and how variation and the ways that have

go changing from 'painters, to improve the work, I will not deal, rimettendomi to many

books that deal, and as far as I can cite those who make profession of painting, which

to this day is in the ridge of estimation, not only as far as the door the use of Rome

ordinary, but likewise to send it out in Spain, France, Flanders and England, and other

parts; that in truth it is something worthy of admiration on considering the large number of 'painters

ordinary, and many people who keep open house with a lot of family, even with doing

surplus, only with the art foundation of paint with different manners and inventions,

not only in Rome, Venice, and other parts of Italy, but likewise in Flanders and in France

modernly has been put into use to fend off politely palaces co 'paintings, to go

by varying the use of 'sumptuous vestments used in the past, especially in Spain, and in

summer time; and this new custom likewise proffers great favor to dell'opere peddling

de 'painters, to whom it will be the most useful day for the future, if the

Lord God keeps for his mercy that peace which all must continually

be desired

Original Format

Vincenzo Giustiniani, Discorso sopra la pittura [c. 1620-30]
"Al Signor Teodoro Amideni", publicat sub titlul Discorso sopra la pittura în Vincenzo Giustiniani, Discorsi sulle arti e sui mestieri, Anna Banti (ed.), Sansoni Editore, Firenze, 1981
Confermo a V. S. che ho relazioni che quel Fiammingo è pittore più che mediocre; e per maggior intelligenza di questa risposta, farò alcune distinzioni, e gradi di pittori, del modo di dipingere che sono a mia notizia, fondata più in qualche poca pratica che io abbia di questa professione.
Il primo modo è con spolveri, li quali si possono colorire secondo il genio del pittore, o di chi ordina l’opera. Secondo, il copiare da altre pitture, il che si può fare in molti modi: o con la prima, e semplice veduta, o con più longa osservazione, o con graticolazioni, o con dilucidazione, nel che si richiede molta diligenza e pratica nel maneggiare i colori, per imitar bene gli originali; e quanto più eccellente sarà il pittore, purchè abbia pazienza, tanto migliore riuscirà la copia, a segno che talvolta non sarà conosciuta dall’originale, e talvolta anco la supererà; che, all’incontro, il copiatore sarà inesperto, e di poco spirito, sarà facilmente conosciuta la differenza dell’originale dalla copia. Terzo, saper con disegno, con lapis, acquerelle ed ombre, ed in penna copiare quel che si rappresenta all’occhio; il qual modo serve come scuola a quelli che si applicano alla pittura, massime se si eserciteranno a copiare statue antiche, o moderne buone, o pitture di autori insigni. Quarto, saper ritrarre bene le persone particolari, e specialmente le teste che siano simili, e che poi anco il resto del ritratto, cioè gli abiti, le mani e i piedi, se si fanno interi, e la postura, siano bene dipinti, e con buona simmetria, il che non riesce ordinariamente, se non a chi è buon pittore.
Quinto, il saper ritrarre fiori, ed altre cose minute, nel che due cose principalmente si richiedono; la prima, che il pittore sappia di lunga mano maneggiare i colori, e ch’effetto fanno, per poter arrivare al disegno vario delle molte posizioni de’piccoli oggetti, ed alla varietà de’ lumi; e riesce cosa assai difficile unire queste due circostanze e condizioni a chi non possiede bene questo modo di dipingere, e sopra a tutto vi si ricerca straordinaria pazienza; ed il Caravaggio disse, che tanta manifattura
1
gli era a fare un quadro buono di fiori, come di figure. Sesto, saper dipingere bene le prospettive, ed architetture, al che si richiede l’aver pratica dell’architettura, ed aver letto libri che di essa trattano, e così libri delle prospettive, per aver cognizione degli angoli regolari e visuali, e fare che tutto sia d’accordo, e dipinto senza sproposito. Settimo, saper ritrovare una cosa grande, come una facciata, un’anticaglia, o paese vicino, o lontano; il che si fa in due maniere, una senza diligenza di far cose minute, ma con botte, o in confuso, come macchie, però con buon artificio di pittura fondata, o con franchezza esprimendo ogni cosa; nel qual modo si vedono paesi di Tiziano, di Raffaele, dei Caracci, di Guido, ed altri simili. L’altro modo è di far paesi con maggior diligenza, osservando ogni minuzia di qualsivoglia cosa come hanno dipinto il Civetta, Brugolo, Brillo, ed altri, per lo più Fiamminghi, pazienti in far le cose dal natural con molta distinzione. Ottavo, fare grottesche, il qual modo è assai difficile, perché bisogna che il pittore osservi molte cose, cioè le pitture antiche che si sono trovate sotto, o sopra terra, dalle quali tal pittura dipende; che però è necessaria l’erudizione dell’antichità, ed osservanza di molte e varie cose, tanto attinenti alle istorie e favole, quanto al modo di dipingere, e dalle invenzioni moderne, che siano appropriate al gusto di chi ordina l’impresa. E’ anco difficile, perché in questi grotteschi fa di mestieri che il pittore sia universale, ma con inclinazione naturale appropriata a quello, perché, oltre alle cose suddette, è necessario che tal pittore sappia ben disegnare, e colorire massime a fresco, e poi che abbia buona e proporzionata invenzione: di più che sappia bene maneggiare ed applicare i colori, perchè si ha da far figure umane grandi e piccole, secondo che apporta l’invenzione; animali, piante, fiori, quadri riportati con l’istorie, medaglioni e prospettive, con fingere metalli, e con dipingere al naturale, con saper ripartire gli ordini distinti, larghi e stretti, secondo che porta il sito. Nono, è il modo di dipingere come Polidoro, con furore di disegno, e di istoria dato dalla natura, e come Antonio Tempesta, i quali in chiari e oscuri, e in stampe di rame, e per invenzione, e per buon disegno, massime in bataglie, cacce, ed altre istorie di persone e di animali, che stiano in moto, son generalmente assai stimati; sebbene in pitture colorite a olio non sono arrivati a questo grado, come le loro opera ne fanno testimonianza. Decimo, è il modo di dipingere, come si dice, di maniera, cioè che il pittore con lunga pratica di disegno e di colorire, di sua fantasia senza alcun esemplare, forma in pittura quel che ha nella fantasia, così teste, o figure intiere, come in istorie compite, o qualsivoglia altra cosa di disegno e colorito vago, nel quale modo ha dipinto a’ tempi nostri il Barrocci, il Romanelli, il Passignano, e Giuseppe d’Arpino, particolarmente nelle pitture a fresco in Campidoglio, nel che ha
2
prevalso assai; ed in questo modo molti altri hanno a olio fatto opere assai vaghe e degne di lode. Undecesimo modo, è di dipingere con avere gli oggetti naturali d’avanti. S’avverta però che non basta farne il semplice ritratto; ma è necessario che sia fatto il lavoro con buon disegno, e con buoni e proporzionati contorni, e vago colorito e proprio, che dipende dalla pratica di sapere maneggiare i colori, e quasi d’istinto di natura, e grazia a pochi conceduta; e soprattuto con saper dare il lume conveniente al colore di ciascheduna parte, e che i sudici non sieno crudi, ma farli con dolcezza ed unione; distinte però le parti oscure, e le illuminate, in modo che l’occhio resti sodisfatto dell’unione chiaro e scuro senza alterazione del proprio colore, e senza pregiudicare allo spirito che si deve alla pittura, come ai tempi nostri, lasciando gli antichi, hanno dipinto il Rubens, Gris Spagnuolo, Gherardo, Enrico, Teodoro, ed altri simili, la maggior parte Fiamminghi esercitati in Roma, che hanno saputo ben colorire. Duodecimo modo, è il più perfetto di tutti; perché è più difficile; l’unire il modo decimo con l’undecimo già detti, cioè dipingere di maniera, e con l’esempio avanti del naturale, che così dipinsero gli eccellenti pittori della prima classe, noti al mondo; ed ai nostri dì il Caravaggio, i Caracci, e Guido Reni, ed altri, tra i quali taluno ha premuto più nel naturale che nella maniera, e taluno più nella maniera che nel naturale, senza però discortarsi dall’uno, né dall’altro modo di dipingere, premendo nel buon disegno, e vero colorito, e con dare i lumi propri e veri. Ne’ suddetti dodici di dipingere sono stati vari li geni e le abilità de’ pittori, perché altri hanno fatto meglio a fresco che ad olio, ed altri meglio ad olio che a fresco; taluno ha fatto ad olio senza aver fatto a fresco; taluno a fresco, e non ad olio; ma non si deve pregiudicare a chi ha mancato d’operare in alcuna cosa, mentre in altra sia stato eccellente, ed abbia agguagliato gli antichi eccellenti pittori, e superato in quell’opera tutti del suo tempo; perché molte cose si possono attribuire alle varie occorrenze dei principi magnifici, o, all’incontro, alla necessità del pittore, perché tal volta un pittore ha fatto opera eccellente, e lodatissima, e poi mai più n’ha fatto una simile, come il Zuccaro nella nicchia dell’Annunziata del collegio.Tal pittore ha fatto bene in grande, e non in piccolo; ed altri bene in piccolo, e non in grande, secondo l’inclinazioni loro naturali: altri hanno fatto bene ne’ componimenti, e nelle invenzioni dell’istorie; altri in colorire squisitamente poche figure con buon disegno, con vicinanze: altri nelle prospettive con regole di architettura; altri in formare bene istorie con buon disegno, con vicinanza e lontananze, e formar bene i piani, ove le figure e le cose si posano, corrispondenti all’orizzonte ed alla linea, ed all’angolo visuale; e pure ciascuno in suo genere è arrivato a grande eminenza d’estimazione nella professione della pittura.
3
Circa gl’inventori della pittura, e quelli che l’hanno aggiustata e megliorata in progresso di diversi secoli, e della variazione del modo e delle maniere che si sono andate mutando da’ pittori, per migliorare l’opere, io non tratterò, rimettendomi a molti libri che ne trattano, ed a quanto ne potrà addurre chi fa professione di pittura, la quale al dì d’oggi è in colmo di estimazione, non solo per quanto porta l’uso di Roma ordinario, ma anco per mandare fuori in Spagna, Francia, Fiandra e Inghilterra, ed altre parti; che in vero è cosa degna di maraviglia il considerare il gran numero de’ pittori ordinari, e di molte persone che tengono casa aperta con molta famiglia, anche con fare avanzo, solo col fondamento dell’arte di dipingere con diverse maniere ed invenzioni, non solo in Roma, in Venezia, ed il altre parti d’Italia, ma anco in Fiandra ed in Francia modernamente si è messo in uso di parare i palazzi compitamente co’ quadri, per andare variando l’uso de’ paramenti sontuosi usati per il passato, massime in Spagna, e nel tempo dell’estate; e questa nuova usanza porge anco gran favore allo spaccio dell’opere de’ pittori, ai quali ne dovrà risultare alla giornata maggior utile per l’avvenire, se il signore Iddio conserva per sua benignità quella pace che da tutti continuamente si deve desiderare.
4

Citation

“Vincenzo's Discourse on Painting,” Italian Baroque Art, accessed January 24, 2021, https://baroque.trinity.duke.edu/items/show/472.